Entra in contatto con noi

Analisi

Il Milan e il mercato di Raiola

Avatar

Pubblicato

il

MILANO – Sarà un’estate anomala per il calcio europeo, inevitabilmente condizionata dall’esplosione del coronavirus che ha bloccato campionati, coppe e manifestazioni, senza che ci siano ancora certezze sulla ripartenza e senza che, di conseguenza, esistano date ed evidenze concrete sul calciomercato che in teoria partirebbe a luglio ma che in pratica inevitabilmente slitterà. Per il Milan, tuttavia, i problemi non mancano e al di là delle tempistiche, perché il club rossonero dovrà programmare l’ennesima ripartenza, l’ennesimo anno zero che riporti la società a livelli quantomeno accettabili dopo anni bui e mediocri.

Grane

Strettamente legato alla campagna acquisti milanista c’è poi il lavoro di Mino Raiola, agente che influirà fatalmente sui conti del club meneghino. Raiola ha infatti nella sua scuderia ben 4 calciatori rossoneri: Zlatan Ibrahimovic, che dovrà decidere se proseguire a Milano anche l’anno prossimo, Alessio Romagnoli, capitano con diverse società che lo seguono con interesse, Giacomo Bonaventura, il cui contratto scadrà il prossimo 30 giugno, e dulcis in fundo il pezzo pregiato della squadra, Gianluigi Donnarumma, giunto ormai ad un anno e spiccioli dallo svincolo a parametro zero.

Programma

Raiola e il Milan saranno dunque legati indissolubilmente la prossima estate, con i rapporti che al momento si registrano freddi e tendenti al gelido. Il procuratore italo olandese, infatti, ha poca fiducia nel progetto milanista e se Ibrahimovic deciderà autonomamente il suo finale di carriera e Bonaventura ha praticamente lo zero per cento di possibilità di rinnovare il suo contratto, molto più certosina dovrà essere l’opera per i prolungamenti di Donnarumma e Romagnoli, patrimoni tecnici ed economici inestimabili per un Milan che non si può permettere di perderli a parametro zero o svenderli al primo avvoltoio che passi dalle parti di Milanello. Anche dal rapporto con Raiola, in fondo, dovrà essere ricostruito il futuro di un club sull’orlo di un epocale fallimento tecnico dopo decenni di dominio in Italia e nel mondo.

Clicca per commentare

Rispondi

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement