Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: ecco come riparte Pioli

Avatar

Pubblicato

il

MILANO – Ora che si conosce anche la data ufficiale in cui il campionato di serie A potrà ricominciare dopo il lungo stop, il Milan di Stefano Pioli programma la sua ripartenza con l’obiettivo di centrare almeno la qualificazione Uefa, obiettivo secondario ad inizio stagione ma ad oggi l’unico possibile (oltre alla finale di Coppa Italia) che i rossoneri possano raggiungere. La classifica, anche se in molti l’hanno dimenticata, dice che al momento la formazione milanista è settima con 36 punti, a 3 lunghezze dal Napoli sesto ed ultima squadra attualmente qualificata in Europa.

Obiettivi

Pioli, in attesa della ripartenza definitiva, sta preparando i suoi per l’anomalo rush finale, provando a coinvolgere l’intera rosa, compresi quegli elementi (vedi Leao e Paquetà) che fin qui hanno giocato poco e male, diventando tutta croce e niente delizia per il tecnico rossonero che si giocherà oltretutto gran parte del proprio futuro, tentando sino alla fine di convincere la proprietà a confermarlo in panchina nonostante il quasi scontato arrivo di Ralf Rangnick che gestirebbe l’intera area tecnica. Ma finché c’è vita c’è speranza e allora Pioli vuole provare il tutto per tutto per il Milan e per tenersi il posto. Ma su chi potrà contare l’allenatore emiliano alla ripartenza?

Armi

Zlatan Ibrahimovic che, a dispetto dei suoi 38 anni suonati, sarebbe stato il calciatore più allenato e in forma della squadra, oltre naturalmente ad essere quello col maggior carisma per tirare l’intero gruppo ma che dovrà recuperare dall’infortunio al polpaccio. Aspettative, poi, Pioli ne ripone anche su capitan Romagnoli, altro elemento in grado di fare la differenza, così come importante potrebbe essere l’apporto di Giacomo Bonaventura, alle ultime prove milaniste prima di affrontare una nuova avventura e che, dopo aver recuperato dall’infortunio, avrà nelle gambe l’esplosività giusta per aiutare i compagni a centrare quegli obiettivi che potrebbero rendere meno grigia una stagione sin qui alquanto deludente.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement