Entra in contatto con noi

Analisi

Il nuovo anno zero (spaccato) del Milan

Avatar

Pubblicato

il

MILANO – L’ormai imminente sbarco in Italia di Ralf Rangnick con direzione Milanello, autorizza il mondo del calcio e in particolare l’ambiente milanista ad analizzare l’ennesima rivoluzione in seno ad una società che non riesce ormai da anni a ritrovare sé stessa. Il tecnico tedesco arriverà portato in pompa magna dalla società, accolto malissimo dai tifosi e fra lo scetticismo degli addetti ai lavori che si interrogano sulle possibilità che il nuovo corso rossonero possa più o meno funzionare. Rangnick farà indirettamente fuori anche Paolo Maldini e Zlatan Ibrahimovic, creando un Milan giovane e quindi inesperto, oltre a doversi adattare ad un calcio che non conosce e di cui sa poco o nulla.

Il grande ex

Detto che i sostenitori milanisti per l’80% sono delusi dalla scelta della proprietà e mal sopportano il nuovo allenatore che ha avuto diversi scontri a distanza con Paolo Maldini e che è dunque additato come nemico, in molti anche fra giornalisti ed ex allenatori o giocatori non sembrano convinti dalla soluzione partorita dalle menti di Gordon Singer ed Ivan Gazidis. Fabio Capello, ad esempio, ha recentemente affermato ai microfoni di RadioRai: “Il Milan con Rangnick perderà un anno, sarà l’ennesima stagione di rifondazione, l’ennesimo anno zero. Inoltre il tedesco – ha continuato l’ex tecnico rossonero – in Germania ha fatto cose interessanti ma non importanti“. E a dirlo è uno che di cose importanti se ne intende.

Dubbiosi

Poco convinti anche gli ospiti degli studi di Sky Sport: Giuseppe Bergomi analizza il possibile avvento di Rangnick a Milanello: “Non condivido la rabbia nei confronti del tedesco – ha detto l’ex capitano dell’Inter – ma i dubbi li abbiamo tutti e le stesse domande che si pongono i tifosi del Milan ce le poniamo anche noi. In giro c’è scetticismo“. Gli fa eco il conduttore Fabio Caressa: “Se Rangnick si presenta al Milan come seguace di Arrigo Sacchi sappia che si attira pressione addosso. La scelta va rispettata e il nuovo corso incuriosisce, ma sembra che la proprietà rossonera voglia far passare questo allenatore come il salvatore della patria, ma il rischio è sempre dietro l’angolo per un club che manda giù bocconi amari da anni“.

Conclusioni

Gli ottimisti provano a guardare il bicchiere mezzo pieno, come l’ex attaccante rossonero Giuseppe Incocciati che afferma come sia giusto affidare la rivoluzione al tecnico tedesco: “L’uomo giusto per questo progetto“. Ma il punto, in fondo, è proprio questo: il Milan ripartirà un’altra volta daccapo, un’altra volta il palazzo in costruzione verrà abbattuto e ricostruito utilizzando nuovi materiali; stavolta, inoltre, il rischio sarà triplo: la scelta sarà interamente di Elliott e Gazidis (e già solo per questo c’è da tremare), Rangnick non conosce il calcio italiano e la piazza milanista, in più l’organico sarà composto quasi esclusivamente da elementi giovani e immaturi che senza guide rischiano di accartocciarsi alle prime difficoltà. L’ennesimo anno zero in cui lo zero, si spera, non diventi alla fine anche il voto alla stagione.

Clicca per commentare

Rispondi

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement