Entra in contatto con noi

Analisi

Il Milan e l’intrigo del secondo portiere

Avatar

Pubblicato

il

Fratelli Donnarumma \ ANSA

MILANO – La dirigenza del Milan è sempre al lavoro per completare il quadro dei tre portieri che saranno a disposizione di Stefano Pioli per la stagione 2020-2021. Il titolare sarà ovviamente Gianluigi Donnarumma, mentre il terzo portiere sarà suo fratello Antonio, esattamente come accaduto nelle ultime tre stagioni. Ancora incertezza, invece, per quanto riguarda il vice, quello che una volta veniva definito “dodicesimo”, perché dopo la cessione di Pepe Reina alla Lazio ed il ritorno del bosniaco Begovic in Inghilterra, il posto in panchina è ancora vacante.

Lista

A dire il vero, Paolo Maldini avrebbe volentieri riportato a Milanello proprio Begovic, ma la trattativa è naufragata a causa della troppa distanza fra domanda ed offerta. Sul taccuino dei dirigenti ci sono ad oggi Marco Sportiello, classe 1992, vice di Gollini all’Atalanta e che sembra il favorito dopo gli incontri fra il Milan ed il suo procuratore, quindi Andrea Consigli del Sassuolo (che però difficilmente gli emiliani cederanno) e lo svincolato Vito Mannone, reduce dal prestito ai danesi dell’Esbjerg e noto tifoso milanista, nome accostato ai rossoneri negli ultimi giorni.

Riflessioni

Va detto che, seppur panchinaro per gran parte della stagione, il ruolo del secondo portiere è di grande importanza in una squadra ambiziosa come dovrebbe essere il prossimo Milan. Basti pensare proprio a Marco Sportiello che si è ritrovato a giocare la partita più importante dell’anno per l’Atalanta contro il Paris Saint Germain a causa dell’infortunio di Gollini, o a Christian Abbiati, secondo di Nelson Dida nel 2003 e protagonista della semifinale di ritorno di Coppa dei Campioni contro l’Inter che valse al Milan la finale di Manchester. Ecco perché scegliere un dodicesimo affidabile e non una figurina per riempire l’album annuale è fondamentale e la dirigenza milanista è chiamata a ponderare con oculatezza una decisione banale solo in apparenza.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement