Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: gli ultimi colpi di mercato

Avatar

Pubblicato

il

Paolo Maldini\ANSA

MILANO – A pochi giorni dalla chiusura del calciomercato il Milan prova a completare l’organico da mettere a disposizione di Stefano Pioli per tentare l’assalto alla qualificazione in Coppa dei Campioni dopo l’ottimo finale della scorsa stagione e l’avvio spumeggiante della nuova annata col successo in Europa contro lo Shamrock Rovers e il 2-0 in campionato contro il Bologna. Ibrahimovic è stato confermato, sono arrivati già Tonali e Brahim Diaz (oltre al secondo portiere Tatarusanu) ma la dirigenza rossonera è pronta a regalare ancora qualche colpo all’allenatore e alla tifoseria.

Obiettivi

Prioritario è un nuovo difensore centrale, come del resto ribadito a più riprese da Paolo Maldini, e prima di ogni altra soluzione sarà proprio lo stopper il principale rinforzo su cui lavorare. I nomi sono noti: Milenkovic e Pezzella della Fiorentina, Fofana del Saint Etienne, Ajer del Celtic e, per ultimo, Nastasic dello Schalke 04, forse l’elemento ad oggi più vicino al Milan con un buon rapporto qualità prezzo e la possibilità di prelevarlo più facilmente rispetto agli altri. Una volta chiuso il capitolo difensore, poi, i rossoneri tenteranno di piazzare le classiche ciliegine sulla torta.

Botti finali

E quale ciliegina sarebbe più gustosa di Federico Chiesa? Il talento della Fiorentina è da tempo nel mirino di Maldini, anche se finora i viola hanno sparato altissimo (70 milioni di euro); negli ultimi giorni di mercato, però, il Milan potrebbe affondare al colpo, soprattutto se da Firenze arrivasse quel via libera (dettato dalla volontà del calciatore) che ad oggi non c’è stato. Infine, l’ultimo tassello, ovvero un centrocampista che vada a completare il reparto già strutturato con Bennacer, Kessie, Tonali e Krunic; Bakayoko è l’ormai celebre preferito, ma occhio anche a qualche possibile sorpresa proveniente dall’estero. Il tutto per centrare quell’obiettivo che mai come stavolta appare alla portata di un Milan rinato.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement