Entra in contatto con noi

Analisi

Milan: l’eredità del derby per Pioli

Avatar

Pubblicato

il

MILANO – Il Milan torna a vincere il derby di campionato dopo 4 anni, è primo in classifica da solo e a punteggio pieno, e non partiva con 4 vittorie su 4 in serie A dal lontano 1995-96. Basterebbero i numeri per coccolare e rispettare la squadra di Stefano Pioli, allenatore che lo scorso mese di luglio era con un piede e mezzo fuori da Milanello e che con il lavoro e la serietà è riuscito a mantenere il posto sulla panchina rossonera e può ora godersi risultati strabilianti che vanno ben oltre le più rosee aspettative. Del resto, 20 risultati utili di fila in campionato non li fa nessuno che valga poco e il Milan giustamente si specchia davanti a cifre da capogiro.

Derby

Contro l’Inter, il Milan non è stato solo Zlatan Ibrahimovic, anche se lo svedese ha segnato i due gol che sono valsi la vittoria ed ha trascinato un gruppo che assieme a lui si sta trasformando da bruco a farfalla. Nel derby, infatti, le prove di Calabria, di Bennacer, di Kessie e di Saelemaekers sono apparse di livello eccellente ed è complicato trovare un peggiore nella formazione rossonera; perfino il solitamente anonimo Krunic ha dato tracce di sè, ha lottato, corso e rincorso, nonché si è fatto trovare al punto giusto al momento giusto per siglare la rete del 3-1, salvo poi peccare con la mira, ma del resto non è al bosniaco che Pioli chiede i gol vittoria.

Futuro

La realtà è che il Milan esce dal derby con autostima e solidità, ha spazzato via in pochi mesi il tabù degli scontri diretti battendo Juventus, Roma, Lazio ed Inter, non ha certo colmato tutte le sue lacune e assai difficilmente rimarrà in testa al campionato per tutto l’anno, lo sa bene Pioli, lo sa Paolo Maldini e lo sanno i tifosi, ma siccome sognare non costa nulla e siccome in un’annata strana come questa tutto può accadere, è cosa buona e giusta che la compagine milanista aumenti la fiducia, la grinta e la voglia di vincere, perché forse parlare di scudetto è prematuro, ma quell’obiettivo presto o tardi dovrà tornare di moda a Milanello e i rossoneri dovranno arrivarci con alle spalle almeno un paio di campionati in cui il verbo vincere non si sia coniugato solamente al passato.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *